Retecapri

Ragione Sociale T.B.S. S.r.l.
Indirizzo Via Li Campi, 19 - 80073 Capri (NA)
Telefono 081-8370144 / 8383111
Fax 081-8370421
Responsabile Costantino Federico
Sito WEB www.retecapri.it
E-Mail info@retecapri.it
Tipologia Nazionale

 

· Storia

Retecapri inizia la sua attività nel 1981 grazie alle mire imprenditoriali dei due fratelli Claudio e Costantino Federico che, con l'esperienza di Telecapri e con la formazione della TBS (Television Broadcasting System), s'imbarcano in questa nuova sfida cercando di combattere lo strapotere dei circuiti nazionali con un palinsesto ricco di film, telefilm e quant'altro possa rendere più appetibile la visione e la crescita di questa nuova tv che, d'altronde, è stata ed è a tuttoggi l'unico circuito nazionale con sede al sud.

 

Col tempo affila sempre di più le sue armi cercando di diversificarsi con un palinsesto diviso tra cinema e musica, caratteristica che la farà rendere più fluida e seguibile dal pubblico campano e non solo, associando anche le televendite; infatti dalla metà del 1985 cambia la sua programmazione venendosi a creare la nuova formula "Retecapri Musica e Cinema" con associato nel logo due note formanti una croma musicale e finendo tale ciclo programmativo nel 1987.

 

Consecutivamente a queste risposte riuscirà anche a comprare canali televisivi in varie parti d'Italia in modo da espandersi ulteriormente per una copertura abbastanza rilevante ma tagliando, di fatto, per un bel periodo di tempo Calabria, Sardegna e Sicilia mentre per il palinsesto riprende la vecchia formula a suo tempo iniziata fino al 1998 anno in cui si vota totalmente alle televendite.

 

Oltre a questo particolare l'emittente campana ha trasmesso anche molti cartoni animati andati anche in onda sulla prima emittente del gruppo caprese ma anche i telefilm più noti dal grande pubblico italiano.

 

Per la natura del suo editore Costantino Federico, spesso, si è resa ancor più popolare per essere stata in "rotta" con la legge 249 del 31 luglio 1997 (più precisamente Legge Maccanico) mandando in onda un cartello che polemizzava sulla mancata osservanza da parte di Mediaset della legge stessa ed anche, nei tempi passati e a tuttora, per essere stata esclusa spesso in molte regioni italiane riguardo all'assegnazione dei canali televisivi nonostante abbia regolarmente la concessione per trasmettere in tutto il territorio nazionale.

 

Nel periodo a cavallo tra il 2005 ed il 2007 è stata presente dentro il bouquet di Telecom Italia Media (meglio conosciuta come La 7) trasferendosi, in seguito, sul bouquet della sua prima emittente campana Telecapri.

 

In Calabria la rete nazionale arriverà un po più tardi rispetto ad altre regioni e non in tutta la regione proprio per la mancanza di canali disponibili per la sua visione; pur nonostante riesce anche se in maniera minima a farsi seguire discretamente aspettando, in tempi migliori, il passaggio definitivo sul DTT.

 

Attualmente è specializzata su televendite con quattro edizioni del telegiornale e con uno spazio dedicato ai film di un certo spessore d'autore ogni sera alle 20.30 seguito a ruota dai programmi erotici e chat-line in onda nel palinsesto notturno.

 

Con il passare degli anni, Retecapri avrà non poche ripercussioni sul campo pubblicitario e non solo; infatti, a causa della crisi economica italiana, essa non riuscirà a riprendersi nonostante il cambiamento del palinsesto con un ciclo di film d'autore e classici in prima serata di ottime pellicole americane ed italiane denominato “Un Sogno in Bianco e Nero”, previa anteprima di presentazione curata da un cineasta di grande esperienza, ed altre produzioni.

 

Oltre a ciò, anche il complicato sistema del digitale terrestre darà un'ulteriore “spallata” all'emittente caprese in quanto, tra cambi legislativi e ricorsi in tribunale, renderà ancora più difficile la sua sopravvivenza; infatti, proprio per questo motivo e date le scarse speranze di ripresa, Costantino Federico deciderà di cedere il suo gioiello nazionale al miglior offerente, offerente che non tarderà ad arrivare.

 

L'offerente sarà proprio Piersilvio Berlusconi che, a fronte di un pagamento attorno ai 10 milioni di euro, ad Aprile 2017 si assicurerà la cessione temporanea del marchio e, definitivamente, delle sue lcn 20, 120 e 520.

 

Dal 5 Maggio dello stesso anno, Retecapri verrà spostata nel mux Mediaset 2 sul canale 36 UHF dove, da quel momento, irradierà con il palinsesto targato Mediaset incentrato su televendite per la maggior parte della giornata fino alle ore 20.00 e serie televisive di grande ascolto quali fiction, sitcom e telenovelas.

 

Per tutto l'anno, in attesa di diventare un nuovo canale del biscione, essa trasmetterà programmi dell'azienda di Cologno Monzese in quanto, per esigenze legate all'immagine in preparazione del nuovo canale televisivo che verrà dopo, sarà comunque necessario farla rimanere in vita.

 

Infatti, dopo questa presenza annuale in versione Mediaset, essa uscirà di scena dai teleschermi italiani il 22 Marzo 2018, giorno in cui, in video, comparira il cartello di presentazione della partita Juventus – Real Madrid trasmessa sul nuovo canale del biscione denominato 20 Mediaset.

 

Se l'emittente in toto scomparirà, di fatto, dal digitale terrestre, la sua programmazione rimarrà ancora in vita passando, da questa data, su Capri Television, una sorta di continuazione della vecchia gestione su un canale espressamente ad-hoc nella continuazione della filosofia caprese adottata tanti anni fa ed ancora viva e vegeta.

 

Inaspettatamente, essa torna nuovamente in video dopo 13 giorni di assenza dai teleschermi italiani, prendendo il posto della sua stessa consorella Capri Television (quest'ultima scompare temporaneamente dal video in attesa di una sua ricollocazione con un nuovo lcn) e reinserendo nuovamente in video il suo logo originale sia sulla lcn 66 che sulla 566 (quella dedicata ai canali in Alta Definizione anche se quest'ultima rimane una copia della precedente in formato video standard).

 

Con ciò, la vita dell'emittente caprese continua a rimanere fermamente al timone delle televisioni nazionali italiane rimanendo di fatto, ancora oggi, la tv privata nazionale italiana più longeva di tutti i tempi sempre vitale ed attiva come non mai.

 

· Evoluzione del marchio Retecapri

 

Logo iniziale per il sito internet.

 

Screenshot utilizzato sul sito internet per la presentazione della tipologia di palinsesto.

 

Logo degli anni '80.

 

Logo attuale in video.

 

· Canali di trasmissione digitali siciliani

CH. Pol. Impianto Comune Prov. Copertura Note
57 O Contrada Timparello Lappano CS Altomonte, Amantea, Aprigliano, Belsito, Bisignano, Carolei, Carpanzano, Casole Bruzio, Castiglione Cosentino, Castrolibero, Castrovillari, Cassano allo Ionio, Celico, Cellara, Cerisano, Cervicati, Cerzeto, Cosenza, Cleto, Dipignano, Domanico, Figline Vegliaturo, Firmo, Lappano, Lattarico, Lungro, Luzzi, Mangone, Marano Marchesato, Marano Principato, Martirano, Martirano Lombardo, Marzi, Mendicino, Mongrassano, Montalto Uffugo, Mottafollone, Motta Santa Lucia, Paterno Calabro, Pedace, Piane Crati, Pietrafitta, Quattromiglia, Rende, Roggiano Gravina, Rogliano, Rose, Rota Greca, Rovito, San Benedetto Ullano, San Donato di Ninea, San Fili, San Mango, San Mango d'Acquino, San Martino di Finita, San Pietro in Guarano, San Vincenzo La Costa, Santo Stefano di Rogliano, Saracena, Scigliano, Serra Pedace, Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo, Torano Castello, Trenta, Zumpano Mux BeS dal
57 O Monte Carpinoso Maiera CS Maierà, Tropea Mux BeS dal
57 O Contrada Commaroso Roseto Capo Spulico CS Acri, Amendolara, Calopezzati, Caloveto, Cariati, Castroregio, Cirò, Corigliano Calbro, Cropalati, Crosia, Crucoli, Mandatoriccio, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Rossano, S. Cosmo Albanese, Trebisacce, Vaccarizzo Albanese, costa ionica delle province di Cosenza, Crotone, Matera Mux BeS dal
32 O Contrada Longa Guardavalle CZ Guardavalle, Stilo Mux BeS dal
32 O Monte Contessa Jacurso CZ Amato, Briatico, Borgia, Botricello, Caraffa di Catanzaro, Catanzaro, Cessaniti, Cicala, Cortale, Cropani, Curinga, Cutro, Delianuova, Dinami, Feroleto Antico, Filadelfia, Filandari, Filogaso, Francica, Gioia Tauro, Girifalco, Gizzeria, Ionadi, Jacurso, Lamezia Terme, Maierato, Marcellinara, Melicuccà, Miglierina, Mileto, Monterosso Calabro, Palmi, Pianopoli, Pizzo, Platania, San Floro, Rizziconi, Rombiolo, Rosarno, San Calogero, San Costantino Calabro, San Gregorio d'Ippona, San Pietro Apostolo, San Procopio, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Sant'Onofrio, Sellia Marina, Seminara, Sersale, Settingiano, Simeri Crichi, Sinopoli, Squillace, Stefanaconi, Tiriolo, Tropea, Villa San Giovanni, Vibo Valentia, Zungri, Provincia di Catanzaro e parte della provincie di Reggio Calabria e Vibo Valentia Mux BeS dal
32 O Via Baita - Furioso Stalettì CZ Badolato, Belcastro, Botricello, Catanzaro, Cropani, Davoli, Gasperina, Girifalco, Guardavalle, Montepaone, Stalettì, San Sostene, Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, Santa Caterina dello Ionio, Satriano, Sellia Marina, Sersale, Simeri Crichi, Soverato, Soveria Simeri, Stalettì, Zagarise, parte ionica della provincia di Catanzaroo Mux BeS dal
32 O Monte S. Andrea Caulonia RC Caulonia Mux BeS dal
32 O Località Le Capanne Monasterace RC Monasterace Mux BeS dal
32 O Pietrapennata
Punta del Gallo
Palizzi RC Ardore, Africo, Agnana Calabra, Antonimina, Benestare, Bianco, Bovalino, Brancaleone, Bruzzano Zeffiro, Capo Spartivento, Caraffa del Bianco, Careri, Casignana, Caulonia, Ciminà, Ferruzzano, Gerace, Locri, Marina di Gioiosa Jonica, Martone, Palizzi, Portigliola, Roccella Jonica, Samo, Sant'Agata del Bianco, Sant'Ilario dello Ionio, Siderno, Staiti, parte ionica della provincia di Reggio Calabria Mux Bes dal
32 O Monte Napi Pazzano RC Bivongi, Camini, Monasterace, Pazzano, Placanca, Stilo Mux BeS dal
32 V Fortino di Pentimele Reggio Calabria RC Alì Terme, Itala, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Scaletta Zanclea Mux Bes dal
32 O Monte Scrisi Scilla RC Anoia, Bagnara Calabra, Cittanova, Filadelfia, Gioia Tauro, Joppolo, Laureana di Borrello, Limbadi, Messina e parte della provincia, Mileto, Nicotera, Polistena, Reggio Calabria, Ricadi, Rombiolo, Rosarno, San Calogero, San Ferdinando, San Giorgio Morgeto, Scilla, Villa San Giovanni, fascia costiera ionica fino ad Acireale (CT), Isole Eolie Mux BeS dal
32 O Unid Siderno RC Siderno Mux BeS dal
32 O Monte Poro Spilinga VV Acquappesa, Acquaro, Amantea, Anoia, Arena, Bagnara Calabra, Candidoni, Cannitello, Canolo, Capistrano, Cessaniti, Cinquefrondi, Cetraro, Cittanova, Cleto, Cosoleto, Curinga, Dasà, Delianuova, Dinami, Fabrizia, Falconara Albanese, Falerna, Feroleto Antico, Feroleto della Chiesa, Filadelfia, Filogaso, Fiumefreddo Bruzio, Francavilla Angitola, Francica, Fuscaldo, Galatro, Gerocarne, Giffone, Gizzeria, Gioia Tauro, Gizzeria, Grimaldi, Guardia Piemontese, Ionadi, Lago, Lamezia Terme, Laureana di Borrello, Limbadi, Longobardi, Maierà, Maropati, Melicuccà, Melicucco, Mileto, Molochio, Monterosso Calabro, Nicotera, Oppido Mamertina, Orsomarso, Palmi, Paola, Pianopoli, Pizzo, Pizzoni, Platania, Polia, Polistena, Rizziconi, Rosarno, San Costantino Calabro, San Ferdinando, San Giorgio Morgeto, San Lucido, San Nicola da Crissa, San Pietro in Amantea, San Pietro di Caridà, San Procopio, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Santa Cristina d'Aspromonte, Santa Domenica Talao, Scido, Scilla, Seminara, Serra d'Aiello, Serrata, Sersale, Sinopoli, Sorianello, Soriano Calabro, Spilinga, Taurianova, Terranova Sappo Minulio, Tiriolo, Vallelonga, Varapodio, Vazzano, Vibo Valentia, Villa San Giovanni, Zaccanopoli, Zungri, costa tirrenica calabro-sicula da Paola a Milazzo, Isole Eolie Mux BeS dal

 

· Canali analogici dismessi

CH. Pol. Impianto Comune Prov. Copertura Acquisito da Note
37 O Timparello Lappano CS Acri, Bisignano, Cassano allo Ionio, Castrolibero, Castrovillari, Cosenza, Lappano, Luzzi, Montalto Uffugo, Quattromiglia, Rende   sperimentazione DVB-T
35 O Monte Carpinoso Maierà CS Maierà, Tropea Vuellesette  
37 O Monte Tiriolo Tiriolo CZ Badolato, Borgia, Catanzaro, Cutro, Guardavalle, Isca sullo Ionio, Isola Capo Rizzuto, Serra San Bruno, Soverato, Tiriolo    
37 O Cocuzzina Forza d'Agrò ME Fascia costiera ionica reggina fino a Melito Porto Salvo    
63 O/V Pietrapennata
Punta del Gallo
Palizzi RC Bovalino, Capo Spartivento, Ferruzzano, Gioiosa, Locri, Palizzi. Roccella Ionica, Siderno,parte ionica della provincia di Reggio Calabria    
67 O/V Monte Scrisi Scilla RC Messina e parte della prov., Reggio Calabria   sperimentazione DVB-T
44 O Monte Trazzonara Martina Franca TA Corigliano Calabro, Martina Franca, Rossano, Rossano Stazione    
37 O Monte Poro Spilinga VV Amantea, Bagnara Calabra, Cannitello, Cessaniti, Cetraro, Cittanova, Galatro, Gioia Tauro, Lamezia Terme, Mesiano, Nicotera, Paola, Palmi, Polistena, Rosarno, Scilla, Spilinga, Taurianova, Vibo Valentia, fascia costiera tirrenica messinese fino a Milazzo, Isole Eolie   sperimentazione DVB-T

 

· Canali dismessi

CH. Pol. Impianto Comune Prov. Copertura Note
37 O Monte Contessa Jacurso CZ Jacurso ceduto a La 7 DVB A
53 O Commaroso Roseto Capo Spulico CS Roseto Capo Spulico spento
31 O Villa Ciluzzi Stalettì CZ Borgia, Catanzaro, Soverato, Stalettì ceduto a 8 Videocalabria e in polarità verticale
57 O Montestella Pazzano RC Bivongi, Camini, Monasterace, Pazzano, Placanca, Stilo spento
45 O Unid Monasterace RC Monasterace spento
49 V Fortino di Pentimele Reggio Calabria RC Reggio Calabria spento
67 O Monte S. Andrea Roccella Ionica RC Roccella Ionica spento
56 O Monte Poro Spilinga VV Cannitello, Cetraro, Cittanova, Galatro, Gioia Tauro, Paola,
Polistena, Rosarno, Scilla, Spilinga, Taurianova, Vibo Valentia,
fascia costiera tirrenica messinese fino a Milazzo, Isole Eolie
ceduto a 8 Videocalabria

Retecapri è ricevibile attraverso il satellite Express AM44 11° Ovest Freq. 11.565 GHz Pol. O. SR 8.000 FEC 3/4.

I marchi citati e i loghi riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

 

Pagina creata il 28 Maggio 2009

Pagina aggiornata al 9 Aprile 2018