Video Itala

 

Ragione sociale Associazione Valle d'Italia
Indirizzo

Via S. Caterina, 17 - 98025 Itala (ME)

Telefono 090-711583
Fax 090-771819
Responsabile tecnico Rosario Armeli
Inizio trasmissioni Novembre 1987
Fine trasmissioni 1994
Tipologia Comunitaria

 

· Storia

La storia che vedrete raccontata quì sotto è una di quelle tante storie di televisioni italiane che hanno fatto un pezzo d'Italia televisiva nel tempo passato e che, ancor oggi, rimangono a prova della dedizione, della fantasia e dell'impegno messo nel portare avanti una realtà che toccava da vicino un piccolo paesino del messinese e che, giustamente, esaltava i suoi usi e le sue piccole tradizioni tramandate da generazioni e generazioni per farle arrivare anche a coloro i quali erano distanti da questa cittadina e per farla conoscere sempre più in un contesto come quello siciliano che è ricco di piccoli paesi ognuno con una storia diversa dall'altro, ognuno con una propria identità sociale e storica.

 

 

Dalla descrizione storica del proprietario Sig. Rosario Armeli...

 

 

"Itala è un paesino di circa 2000 abitanti posizionato sulla riviera Jonica a circa 15 km dalla provincia di Messina.

 

E´ nascosta dietro alcune colline a circa 1,5 km dalla litoranea per gli evidenti motivi di non essere depredati dai pirati del mare che incrociavano nello stretto.

 

Io che scrivo non sono nativo di Itala ma avendo sposata una ragazza del luogo, mi sono trasferito la residenza ed in arte anche l´attrazione per il luogo.

 

Il paesino si presenta modellato da un artista tant´è che in una borgata proprio per la sua naturalezza, posizione e similitudine, ogni anno si rinnova la nascita di Gesù Bambino allestendo un presepe vivente.

 

Affascinato da tutto ciò mi sono sempre prodigato a dare un contributo alla crescita del paese corrisposto in parte.

 

Siccome sono stato sempre un appassionato di arte fotografica a livello personale, non commerciale (ho trovato moglie proprio in occasione di un evento cui sono stato chiamato come fotografo), ed essendo in una fase iniziale di programmazione per le prossime elezioni comunali, sono stato avvicinato da amici per una collaborazione laterale.

 

Insieme con una persona abbiamo avanzato la proposta di creare una piccola televisione locale.

 

L´idea piacque a tutte e due e abbiamo dato via alla fattibilità.

 

Era novembre 1987....

 

Abbiamo ordinato i primi trasmettitori video acquistati dalla Offel da un watt non ancora quarzati con delle frequenze che avevamo rilevate libere sul territorio.

 

Le prime prove in modo alquanto precarie avvenivano spostandoci da una casa all´altra per avere un migliore segnale ricettivo.

 

Il segnale veniva captato ed anche discreto.

 

La voce si diffonde e Video Itala (così l´avevamo denominata in onore al paese) veniva ricevuto e seguito man man che crescevamo.

 

La prima telecamera fu una Panasonic M5 seguita da una Phonola, da un video registratore ed un scambiatore di prese scart con evidente salto dell´immagine.

 

Successivamente ho acquistato la prima telecamera professionale Sony 3000 3ccd con relativo video registratore portatile U-Matic ¾ ed un mix audio video digitale della Panasonic.

 

Segue l´acquisto di un´altra telecamera professionale della Hivocy 17 F che ci ha permesso di lavorare in studio in modo quasi ottimale.

 

Non abbiamo ottenuto contributi da nessuno.

 

Ci siamo prodigati alla realizzazione e produzione di documentari.

 

Siamo riusciti a realizzarne diversi come "La Sicilia l´isola del mito", "Il baco da seta", "Taormina", "L´acquedotto di Torrerossa", "La Valle d´Agrò", "Cefalù", "Messina" ed altri ne sono rimasti in corso d´opera.

 

All´interno avevamo realizzato il nostro telegiornale, la rubrica sportiva, il momento religioso, l´attualità ed inoltre spettacoli realizzati in piazza con relativa registrazione previa regia televisiva sul posto e, a seconda dell´importanza dell´evento, anche la trasmissione in diretta.

 

Sono stati momenti impegnativi ed anche costosi.

 

Abbiamo avuto collaborazione volontaria poiché non ci potevamo permettere spese per sostenere personale impiegatizio.

 

Siamo rimasti in onda da 1988 al 1994 fino a quando non è entrata in vigore la legge per il pagamento delle concessioni televisive; inoltre abbiamo ricevuto delle vertenze per lavoro svolto e non retribuito da parte di due persone che ci hanno avanzato delle pretese che non avevamo mai offerto.

 

Il declino fu inevitabile.

 

La presenza cominciava a venire meno nonostante in una delle riunioni si manifestò la volontà di proseguire ed avere assicurata la collaborazione ed il volontariato.

 

Non fu così pertanto si decise la chiusura delle trasmissioni.

 

Ci rimase un bel ricordo del lavoro svolto ma un brutto ricordo per il seguito intrapreso dai due richiedenti per cifre assurde nonchè per aver fatto intervenire la Guardia di Finanza che a seguito della loro perquisizione, avendoci trovato in uno scantinato delle video cassette pirata che non erano utilizzabili, ho dovuto affrontare con successive diverse cause in tribunale sia civile che penale e con dei processi che proprio adesso sono stati definiti: la Cassazione si è pronunciata in merito asserendo che non era reato penale detenere le video cassette pirata, e che era applicabile soltanto una sanzione amministrativa, da parte del Prefetto, che, effettivamente, mi è stata combinata in euro 154.00.

 

Tutto questo dopo 15 anni.

 

Pentito di avere fatto del bene, altrui, non apprezzato e ripagato malignamente.

 

Oggi molti mi rimproverano per non avere continuato poiché la televisione era bella ed anche un fiore all´occhiello di Itala.

 

Ma quando ho chiesto aiuto nessuno ha ascoltato la mia voce pertanto mi sono ritrovato solo."

 

· Canali

 

 
 
ME
CH Pol Impianto Comune Prov. Copertura Note
F O Unid Itala Borgo ME Itala Borgo  
46 O Monte Scrisi Scilla RC Fascia costiera jonica fino a Giarre ceduto a TRM
56 O Tetto sede Itala Borgo ME Itala Borgo  
62 O/V Via Cimitero - Guidomandri Scaletta Zanclea ME Alì Terme, Scaletta Zanclea  

Si ringrazia lo storico titolare dell'emittente Rosario Armeli per averci donato un pezzo di storia televisiva siciliana nonché Agostino Villa per l'energia profusa alle ricerche e la collaborazione prestata alla ricostruzione dell'emittente.

I marchi citati e i loghi riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

 

Pagina aggiornata al 2 Ottobre 2008