Antenna Trinacria

Ragione Sociale Antenna Trinacria
Indirizzo Via San Giuseppe al Duomo
95100 Catania
Telefono 095-314932 / 095-312380
Responsabile Venero Maccarrone
Inizio Trasmissioni 1978
Fine Trasmissioni 1989
Tipologia Commerciale

 

· Storia

 

Emittente radiofonica nata agli inizi del 1978 da pacifici professionisti e imprenditori catanesi gravitanti nell' area politica indipendentista.

 

Obiettivo primario dell'emittente far sentire la presenza di questo gruppo nell'interesse della collettività.

 

Sede dell'emittente, via Ospedale Vecchio CT nei locali di uno dei fondatori.

 

Alla fine del 1978, con l'adesione al Movimento Politico Fronte Nazionale Siciliano di Catania, R.T.Trinacria diventa Antenna Trinacria "La Radio d'Assalto".

 

Dalla iniziale sede di via Ospedale Vecchio si passa alla sede di via S. Giuseppe al Duomo (sette grandi vani in un palazzo del '700) messa a disposizione da un sostenitore.

 

Si perfeziona la linea politica degli aderenti e Antenna Trinacria diventa un movimento d'opinione (nel frattempo si stacca dal F.N.S. e tutti gli aderenti al Movimento politico aderiscono al nuovo progetto con la prevedibile chiusura della sede catanese del F.N.S.).

 

Il Movimento d'opinione cresce a dismisura, aderiscono e hanno spazio nell'emittente illustri personaggi della Sicilia culturale.

 

Dal prof. Salvatore Camilleri a Ignazio Buttitta dalla prof.ssa Maria Sciacca a Turi Ferro ecc.

 

Il successo di Antenna Trinacria attraversa lo stretto.

 

Il regista Damiano Damiani realizza un documentario e si installa per due giorni negli studi di via S. Giuseppe al Duomo per realizzare un documento televisivo poi trasmesso da Rai3.

 

I membri del Centro Studi Storico Sociali Siciliani vi aderiscono  e l'Associazione diventa l'anima culturale di Antenna Trinacria.

 

Tra i collaboratori attivi ricordiamo lo storico Natale Turco, il prof. Salvatore Camilleri, la prof.ssa Maria Sciacca e Orazio Vasta (responsabile del programma serale di contro-informazione denominato "Senza Tregua").

 

I responsabili di A.T. sono contattati dal primo Ministro libico interessato ad un discorso di "collaborazione" con una emittente (Radio Sicilia International) ospitata all'interno del Consolato libico in Roma e a sposare la causa libica attraverso il "Libro Verde" di Gheddafi.

 

Qualcuno andò in Libia...

 

Col successo arrivarono i guai.

 

Un traliccio con le antenne, sia radiofoniche che televisive, venne divelto nella zona di Valverde, minaccie verbali e scritte arrivavano tutti i giorni.

 

Era l'epilogo della tragedia.

 

Un brutto giorno A.T. subisce un attentato vero e proprio: quattro incappucciati fanno irruzione all'interno degli studi dell'emittente, scaraventano fuori il conduttore di turno rompono quattro dischi e lasciano volutamente un fucile ed una pistola.

 

L'intervento della questura fu fulmineo: sequestro provvisorio del locale e indagini in corso.

 

E Antenna Trinacria...tacque per sempre.

 

Nel 1989 la frequenza 94 MHz fu abbandonata in seguito al furto del trasmettitore e dell'antenna.

 

Antenna Trinacria continuò a trasmettere sugli 89 MHz, mentre i 94 MHz furono ceduti a Catania Onde Radio.

 

· Evoluzione storica del marchio Antenna Trinacria

 

Logo originale dell'emittente.

 

Logo successivo al primo ma con la dimensione quadrata.

 

· Frequenze

Frequenza Postazione Comune Prov. Copertura
89.00 MHz C.da Carminello Valverde CT Catania e provincia,Siracusa e parte della prov.
94.00 MHz Unid Mascalucia CT Catania e hinterland

I marchi citati e i loghi riportati appartengono ai rispettivi proprietari.

 

Ultimo aggiornamento: 10 Aprile 2004